ACQUA ALTA 3

2010

ITALIAN INSTITUTE OF CULTURE
 MELBOURNE

                                                          watch Turbulence video here

                                                        watch Splinter Cycle video here

                                                               watch Raft video here

                                                 see Domus Sub/Merge photographs here

The Acqua Alta project comprised four site-specific installations spanning, institutional, domestic, and historic sites. The overall suite of exhibitions included spatial drawing, sculptural elements, lens based elements and moving image works.

Acqua Atla 3, presented at Melbourne's Italian Institute of Culture, comprised three moving image works, a sixteen panel photographic work, sculptural elements, more than forty cast resin mooring rings,  over 1000m of rope, mirrors and coloured lights in exploring concepts related with natural fields of force, and personal safety.

The Acqua Alta Project is accompanied by a 88 page publication. For inquiries regarding the publication please email info@andrewhazewinkel.com

FCO-MEL UNSPOOLING

Dr. Stefania Manna

(see Italian version below)

I first encountered Andrew Hazewinkel, out of scale and out of time on the imposing stairs of a weighty edifice in Rome.

Climbing the majestic stair of British School at Rome (Edwin Lutyens, 1912), to the front door of an impenetrable neoclassical mass, we moved through a façade which asserts and replays the weight of history in all its gravity. This sense of solidity and overwhelming permanence, was suddenly fractured by a series of fine coloured lines, ropes, which wound around the columns and traversed the pronao, turning them into a gigantic reel of thread, a playful if not irreverent gesture, and the beginning of an unspooling discourse.

The work comprising The Acqua Alta Project # 1. Rome 2006, discusses the topic of a contra-position between fields of permanent force and temporary conditions, describing the fertile moment of their transition.

Crossing the threshold of this heavy edifice, I experienced an unwinding as I moved through the inner architectural space, along a constellation drawn in brightly coloured line, contaminating function as it traversed rooms whose original use were refectory, passageways, stairwells and galleries, usually inaccessible to the visitor’s way.

Then like now, THE ACQUA ALTA PROJECT # 3:IIC Melbourne: 2009 installation, induces a disturbing proceeding through an ethereal network of connections, to an experience of the immobility of the architectural, now interrupted by the articulation of immaterial trajectories. It pushes into a dynamic exploration of a void, which is improbable in the everyday life of a building. Expressing a void now striated with bright lines, the crystallized vectors of a stilled storm of thought.

Tensile thoughts outline a structure describing relationships with the surroundings, in which you can reread a social role of art. Through a symbolic act of re-appropriation, a re experience of space, Andrews work gives back the consciousness of ourselves as creators of our own habitat, which has been progressively eroded. An individual sense of responsibility emerges, tying itself into our consciousness. Flooded by fears, hopes and desires we no longer trust the fact that we shape the ephemeral frameworks and systems of our societies.

It is not by chance that the anchor points of this interference between the subject and object of this work, have been rematerialized; fragile in their inconsistent resinous transparency, they sit largely in contra-position with the reassuring memory of the heavy iron riverbank mooring rings from which their form is sourced.

Reinventing the materiality of these holding points creates uncertainty, disorienting doubts, while the imagination perceives an inability, an impossibility of disentanglement. Reliable points of reference are inverted, unspooling a compromised relationship with a future, immediately present.

The IIC presents a series of rooms, functionally evolutionary; a strange blending of domestic and institutional space.Andrew’s lines traverse these spaces in multiple directions, sometimes attaching themselves to  objects whose daily function in ‘the present’  has been reworked through studio time:  found objects are reconfigured, reshaping  their original function, becoming new hybridised objects, hovering between functions, suspended in familiar space1.

In these familiar, re imagined relics; Andrew rediscovers an assonance with a symbolic world of Leonardo da Vinci, in his small sketch called “Cloudburst of Material Possessions”. In this drawing 2, common household objects and the tools of a sculptors workshop, are falling down from a cloud like rain, possibly an early expression in drawing, pointing to an awareness of the interaction between our daily activities and our environment.

Since The Acqua Alta Project #1.2006, innumerable lines thread Andrew’s thoughts with mine, spanning his research and mine, as well as a shared and individual movement through space. The space of memory created through shared experiences, eloquently expresses the subtle differences between ‘distance’ and ‘separation’.

“I have been thinking about you and your return to Orléans and I can not help but make another parallel with the world flooding. I know, for sure, that, as you walk through the streets and into cafes and bars, you will be flooded with a deep emotional turbulence, rising to the surface, it makes me think of the flooded images we saw in Venice of New Orleans3, when the waters broke away the constraining walls and everything let go” 4.

Distance and history, physical and emotional, are inscribed into a circle that memory traces to articulate the void between places and times, a sense of duration trying to dispel the notion of separation. But a new axis shifts an orbit turning a circle into a spiral, and, in fluid dynamic science, the spiral turns into a vortex and the vortex creates turbulence.

If an immobile tension discusses the concept of permanence or fixity, we are obliged to loosen the tension, following the flux of chance, of disordered events.

n the city of Rome, memory is recorded stone by stone, layer by layer, but the continuous force of the Tiber undermines this authority, engraving signs of time into the city’s heart by the dates of the many floods5. This well recorded history of Rome’s liquid destruction challenges the built representation of power, the stone architectures of the eternal city.

Andrew searches in the perpetual natural elements of water and light for a supporting framework for the comprehension of this dichotomous reality; through the physical materiality of these elements, [which are impossible to reduce singularly into representation and language of art], Andrew looks to the instability of natural forces and the effect of the immaterial.

The video-sequence TURBULENCE: 2007 shows us coloured plastic bottles and football balls dancing as if rocked by the Tiber’s current, uncovering a pure primeval innocence in a light-clad, white foam. This disturbing and exquisite gurgling of rubbish presents the transformation of a deterioration phenomenon into a vision of absolute poetry. These disgusting daily witnessings of pollution shape the main characters of an urban staging, asserting their right to inhabit the river and the city.

But the discovery of an aesthetic value in this experience generates a feeling of wonder more than one of beauty, keeping away the discouragement of resignation felt for the lost war against environmental protection. Here a generative sensibility corresponds with the material urgency of the problem, setting a natural instinct of imaginary survival against destructive forces of an artificialized nature.

Parallel to this work, the river offers Andrew more occasion for emotional awakening from a familiar consciousness: Through a practice that spans the climate controlled, protective environment of a photo archive and the banks of the river, Andrew creates a cycle of paired photographic images Domus_sub/merge # 1 to # 8 Rome: 2006 /2009, bringing together historic images of flooded Rome, [sourced from the Ashby, Bulwer and Mackey collections held at British School at Rome photo archive] and images of the fragile, sensitively constructed, ephemeral dwellings found along today’s Tiber.

The Tiber carves a free-space, an emptiness, through the centre of the city. The history of flooding has kept in perpetuity this free-space which courses through the intense density of urban history that is Rome. This free-space is somehow not trusted, somehow unsafe, unreliable and unpredictable. In the full face of vulnerability, homeless people settle into these places which the force of the river has created and somehow defended from the constructions of edified power.

Once again opposing fields of force are at play: construction and destruction, order and disorder, impossible attempts at negotiating the space, between the instinctive need for a domestic refuge and unavoidably violated intimacies. The states of sensorial excitement stimulated by fixity vs the rhythms of vortex and turbulence; the clear still, post flooding vs the intimacy of existences in disastrous whirl.

In SPLINTER CYCLE [recurrent dream]: 2008 the current drags reluctant branches into greenish, gray vortexes, in a sort of anomalous drift. Everything moves in all directions. Both of these natural elements are captive in a circular space and time. The trees remind me of the kind of vegetation that once stood on the river banks [I have seen them in paintings] and the water itself flows backward as another section of footage is calmly played in reverse, it somehow takes us back to somewhere we have not been before.

Rethinking, is subtly different from revisiting earlier thoughts, mental journeys are never alike. Rethinking is a process of accumulation, noticing changes to the shape of understanding [or not], but also and moreover, of rewinding from and into the present. The surprise, [the miracle of the art], is that this is seemingly an impossible rewind: the condition of consciousness’ acquisition does not admit a way back to innocence.

Like the fixing rings attached to the architecture, these constraining conditions generate tension. The imperfect in the passing of time, an impossible truth, the contemporary weak thought6 that splinters history, cutting it into discontinuous sequences which never see an end corresponding with a beginning, and vice-versa.

The return to places where you have never before been, denounces displacement in a way that creates parallel worlds, where evolution is not only going on, but also coming back, passing unexplored territories, in a process of disarming non linearity.

Worlds where composing and decomposing combine with each other in infinitely different ways, never offer in return the same image: Like a mosaic of tesseras that seem unable to resolve themselves into a comprehensible picture. Without the acquired stability of this balance of positive contamination, the past brings about the need of a new becoming.

“The Tiber arrived close to the point of flooding and, for same days, a tangible restlessness filled the city, in the same way as the ongoing falling rain. Passing by Ponte Garibaldi, I saw a multitude of plastic bags and rubbish waving form the branches and bushes along the river banks; garbage which had been pushed up by the voluminous rising of the river.

Rewinding the tape of my memory, images of your bottles, Andrew, passed in front of me, and I’ve seen in those fragile, outcast swimmers of the river, an army of survivors of the inclemency of life, with  whom a force of nature was bestowing an unusual, proud beauty. Thinking of how much you would have liked them, I wished you were here”7.

Post Scriptum

Through the opportunity of writing this short text, I have had long conversations with Andrew about the ‘meaning’ of his works, for which I thank him. An urgent communication of the ‘sense’ of the work has emerged from these conversations. At times I have doubted language, [perhaps it could be too simple] to stimulate the complexity of this ‘sense’; that the strength of emotional reaction to the ideas of this, could get lost in a decontextualization and that geographical distance may relegate earlier thoughts to a reservoir of ‘past’ experience.

Although the spatial and emotional source material of this work and research is Rome, Australia is a natural environment for its presentation. In Australia, time is anthropologically and geographically ancient, but young as an edified history: it is a time that you can’t touch with your hand, but that is continuously rethought. Past is not built, remembered, preserved. It is a floating, permanent, heartfelt presence that is free from moorings, far from spirals of memory.

Perhaps in Melbourne, more then in Rome, we feel free to unspool.

Endnotes

1. For the installation in Rome, for example, there was a chair caught into the ropes’ network; this chair had been found discarded in the car park of the BSR some days before.

2. Drawing by Leonardo da Vinci is dated ca. 1510, ink on paper, The Royal Collection at Windsor Castle, Berkshire UK, RL12698.

3. The reference is to the United States of America’s Pavilion, titled  “Dopo l’Inondazione: Ricostruire su un terreno più alto”, curated by Christian Bruun, 10th International Exhibition of Architecture at Venice Biennale, 2006.

4.Correspondence, May 2007.

5. More than one hundred and fifty major floods at Rome have been registered between 414 BC and AD 2000. A list of those floods can be found in Appendix 1 , “Floods of the Tiber in Ancient Rome”,  Aldrette G.S The John Hopkins University Press, Baltimore 2007 ISBN 0-8018-8405-5.

6. The reference is to the notion of “weak thought” by Gianni Vattimo, in “The End of Modernity: Nihilism and Hermeneutics in Post-modern Culture”, Translated by John R. Snyder, Polity Press, 1991. ISBN 0-7456-0971-6 Translation of “La fine della modernità”, Garzanti, Milan, 1985.

7. Correspondence, December 2008.

FCO-MEL UNSPOOLING

Dr. Stefania Manna

Ho incontrato Andrew Hazewinkel, sull’imponente ingresso di un grande edificio a Roma fuori scala e fuori tempo.

Salendo la maestosa gradinata dell’Accademia Britannica (Edwin Lutyens, 1912), l’impenetrabile massa costruita della facciata neoclassica mostrava, in tutta la sua gravità, il peso della storia. Questo senso di solidità e di schiacciante permanenza era improvvisamente interrotto da una serie di linee colorate, di funi, che si avvolgevano intorno alle colonne del pronao, trasformate così in giganteschi rocchetti di filo, per il piacere di un atto scherzoso, se non irriverente, che si rivelava il principio dello svolgimento di un discorso.

L’opera che comprende The Acqua Alta Project # 1 : Agua Mundi. Rome 2006, lavora sul tema della contrapposizione tra campi di forze permanenti e condizioni temporanee, cogliendo il momento fertile della loro transizione.

Varcando la soglia di quel possente edificio, il movimento all’interno degli ambienti si dipanava seguendo una costellazione di cavi variopinti, che contaminava stanze, come mensa, corridoi, scale o gallerie, impropriamente accessibili al percorso del visitatore.

Allora come ora, l’istallazione THE ACQUA ALTA PROJECT # 3:IIC Melbourne 2009 induce all’avanzare disturbato attraverso una rete eterea di connessioni, all’esperienza dello spazio immobile dell’architettura frammentato dall’articolarsi di traiettorie immateriali. Essa spinge verso l’esplorazione dinamica di un vuoto impraticabile nel quotidiano: un vuoto striato da linee vivaci, vettori cristallizzati di una silenziosa tempesta di pensieri.

Pensieri in tensione, che delineano una struttura di relazione con l’ambiente, entro la quale rileggere il ruolo sociale dell’arte. Attraverso un gesto simbolico di riappropriazione, di rivisitazione dello spazio, il lavoro di Andrew restituisce quella coscienza, progressivamente persa, del proprio ruolo di creatori dell’ambiente. E alla coscienza è legato un senso di responsabilità individuale: inondati di paure, speranze e desideri non siamo più capaci di credere nel fatto di essere noi stessi a modellare le strutture ed i sistemi labili delle nostre società.

Non a caso i punti di ancoraggio delle interferenze tra soggetto e oggetto di quest’opera sono smaterializzati, delicati nella loro inconsistente resinosa trasparenza, vistosamente in contrapposizione con la rassicurante memoria dei pesanti anelli di ormeggio in ferro del lungofiume, dai quali mutuano la propria forma.

Reinventare la materialità di questi punti fissi genera incertezza, dubbio che disorienta, nella reale percezione dell’incapacità, dell’impossibilità dell’immaginazione di districare, di spiegare. I punti saldi di riferimento sembrano invertirsi, dipanando le compromesse relazioni con un futuro così prossimo da divenire istantaneamente presente.

Il lavoro IIC presenta una serie di ambienti, funzionalmente evolutivi: una strana contaminazione di spazio domestico ed istituzionale. Le cime tese di Andrew percorrono questi spazi in direzioni multiple e catturano oggetti, la cui quotidianità nel presente è stata manipolata in studio: oggetti trovati vengono riconfigurati, rimodellati nel loro uso originario, trasformati in nuovi oggetti ibridati, dalla funzionalità indefinita, sospesi in spazi familiari1.

Andrew ritrova in questi immaginari relitti usuali un’assonanza con il mondo simbolico rappresentato nel “Nubifragio di averi materiali” di Leonardo da Vinci. In questo piccolo schizzo2, una pioggia di comuni oggetti domestici e arnesi da scultore cade da una nuvola: una primissima possibile forma di consapevolezza dell’interazione tra le attività quotidiane dell’uomo e l’ambiente.

Dalle funi del The Acqua Alta Project # 1 : Agua Mundi. Rome 2006, migliaia di linee in tensione legano i pensieri di Andrew ai miei, le sue e le mie ricerche, come anche i nostri movimenti comuni o individuali. Il nostro spazio della memoria, creato attraverso le tante esperienze condivise, esprime eloquentemente le sottili differenze tra ‘distanza’ e ‘separazione’. 

“I have been thinking about you and your return to Orlèans and I can not help but make another parallel with the world flooding. I know, for sure, that, as you walk through the streets and into cafes and bars, you will be flooded with a deep emotional turbulence, rising to the surface and it makes me think of the flooded images we saw in Venice of New Orleans3, when the waters broke away the constraining walls and everything let go” 4

La distanza e la storia, fisica ed emotiva, sono inscritte in un cerchio che la memoria traccia per articolare il vuoto che allontana luoghi e tempi, nel tentativo di dissolvere la nozione stessa di separazione. Ma l’orbitare di un punto lungo un nuovo asse trasforma il cerchio in una spirale, e nella dinamica dei fluidi, la spirale diventa un vortice e il vortice genera turbolenza.

Se una tensione immobile mette in discussione il concetto di permanenza o fissità, si è costretti ad abbandonare gli ormeggi, a seguire il flusso disordinato degli eventi.

A Roma la memoria è costruita pietra su pietra, strato su strato, ma la forza del Tevere ne minaccia continuamente l’autorità, incidendole nel cuore i segni di un tempo, scandito dalle date delle tante inondazioni5. Questa storia documentata di distruzione liquida di Roma si oppone a quella edificata della rappresentazione del potere, narrata dalle solide architetture della città eterna.

Negli elementi naturali perpetui dell’acqua e della luce, Andrew cerca strutture di supporto alla comprensione di questa dicotomica realtà; attraverso la fisica materialità di questi elementi, impossibili da ridurre singolarmente nella rappresentazione e nel linguaggio dell’arte, Andrew coglie l’instabilità delle forze naturali e gli effetti dell’immateriale.

Nella video sequenza TURBULENCE: 2007,  bottiglie di plastica e palloni colorati danzano cullati dalle acque del Tevere, che ritrova una sua candida primordiale innocenza in una schiuma bianca vestita di luce. Il gorgogliare inquietante ed immacolato dei rifiuti è la trasfigurazione di un fenomeno di degrado in una visione di assoluta poesia. I disgustosi consueti testimoni dell’inquinamento diventano gli inconsapevoli protagonisti di una messa in scena urbana, affermando il loro diritto ad abitare il fiume come la città.

Ma la scoperta del valore estetico di questa esperienza genera un senso di stupore, piuttosto che di bellezza, allontanando lo sconforto della rassegnazione per la guerra persa in difesa dell’ambiente. All’urgenza materiale del problema, corrisponde una sensibilità generativa, che contrappone, alle distruttive forze della natura artificializzata, un naturale istinto di sopravvivenza immaginaria.

Parallelamente a questo lavoro, il fiume offre ad Andrew ulteriori occasioni di risveglio emotivo della coscienza comune. Grazie ad un’attività svolta tra le atmosfere climaticamente controllate di un archivio fotografico e le sponde del Tevere, Andrew produce un ciclo di foto dal titolo Domus_sub/merge # 1 to # 8 Rome: 2006/2009, nel quale immagini storiche delle inondazioni a Roma (tratte dalla collezione  Bulwer, Ashby and Mackey, conservata presso l’archivio fotografico dell’Accademia Britannica), si accompagnano ad immagini di fragili giacigli temporanei, allestiti con cura, attualmente rinvenuti lungo le rive del fiume.

Il Tevere crea spazio, scavando un vuoto nel centro della città. Le inondazioni hanno conservato nel tempo questa sottrazione, questa assenza, consentendo lo scorrere perpetuo di questo vuoto attraverso una storia urbana ad alta densità come quella di Roma. Questo spazio libero non è affidabile, in un certo senso è insicuro, imprevedibile. In una condizione di totale vulnerabilità, i senzatetto si appropriano di questi luoghi, che la presenza del fiume ha creato e protetto dall’edificazione.

Ancora una volta campi contrapposti di forze: costruzione e distruzione, ordine e disordine, tentativi impossibili di negoziazione dello spazio, tra bisogno istintivo di rifugio domestico e intimità inevitabilmente violate. La limpida calma piatta del post inondazione vs l’ordinata intimità di esistenze in disastroso turbinio; gli stati di eccitazione sensoriale stimolati dalla fissità vs i ritmi quieti del vortice e della turbolenza.

In SPLINTER CYCLE [recurrent dream]: 2008,  la corrente del fiume trascina in vortici grigio-verdastri riluttanti rami, in un’anomala deriva. Tutto si muove in ogni direzione. Gli elementi naturali sono entrambi prigionieri in una circolarità di spazio e tempo: la  vegetazione è una memoria delle sponde verdi, una volta esistenti sul fiume (che ho visto rappresentate in tanti dipinti), ed anche l’acqua, scorrendo al contrario in un filmato che si riavvolge quietamente su sequenze diverse da quelle appena passate, conduce dove non si è mai stati prima.

Ri-pensare è diverso dal rivisitare pensieri già fatti: i percorsi mentali non sono mai uguali a se stessi. Ri-pensare è un processo di accumulazione di significato, che registra le variazioni nella comprensione degli eventi, ma è anche e soprattutto un processo di riavvolgimento in avanti e indietro del tempo presente. La sorpresa, il miracolo dell’arte, è che si tratta di un riavvolgimento impossibile: la condizione di acquisizione di coscienza non ammette un ritorno all’innocenza.

Queste condizioni di vincolo, come gli anelli di ormeggio, sviluppano tensione: lo scorrere imperfetto del tempo, la verità impossibile, il pensiero debole contemporaneo6 che frammenta la storia, sfaccettandola in sequenze discontinue, che non vedono mai ad una fine corrispondere un principio e viceversa.

Il ritorno in luoghi ignoti denuncia una dislocazione in atto, che crea mondi paralleli, dove si evolve non più semplicemente andando avanti, ma tornando indietro, attraversando territori inesplorati, in un processo dalla disarmante non linearità.

Mondi dove componendo e scomponendo le tessere di un mosaico, queste si  combinano diversamente, non riformando mai una stessa immagine: un mosaico che sembra non restituire una figura comprensibile, senza che la stabilità di questo raggiunto equilibrio non ne decreti la condizione di passato, determinando il bisogno di un nuovo divenire.

“Il Tevere è arrivato prossimo alla piena e, per alcuni giorni, un’inquietudine tangibile ha riempito le nuvole sulla città, quanto la pioggia stessa che cadeva ininterrotta. Passando su Ponte Garibaldi ho visto, dai rami secchi dei cespugli e degli alberi attorno alle sponde del fiume, sventolare una moltitudine di buste di plastica e rifiuti di ogni genere, trasportati in alto dal crescere voluttuoso del fiume.

Riavvolgendo il nastro della memoria mi sono passate davanti le immagini delle tue bottiglie Andrew, e ho visto, in quei fragili, reietti nuotatori nel fiume, un esercito di sopravvissuti alle intemperie della vita, a cui la forza della natura stava tributando una bellezza fiera, inusuale. Pensando a quanto ti sarebbero piaciuti, mi è sembrato che tu fossi qui” 7.

Post Scriptum

L’occasione di questo breve testo, mi ha regalato lunghe conversazioni con Andrew sul significato delle opere in mostra, di cui lo ringrazio. Conversazioni dalle quali è emersa un’urgenza di comunicazione del senso delle opere stesse, nel dubbio che il linguaggio potesse essere troppo semplice per stimolare la complessità del pensiero; che la forza della reazione emotiva al messaggio dell’opera d’arte potesse perdersi nella decontestualizzazione e che la distanza geografica potesse ridurre pensieri trascorsi ad una riserva di esperienze passate.

Se lo spazio materiale di questi lavori e delle ricerche che li accompagnano è Roma, l’ambiente naturale per la loro presentazione è certamente l’Australia. In Australia il tempo è antico per antropizzazione e geografia, ma giovane per storia edificata: è un tempo che non si può toccare con mano, ma che viene continuamente ripensato. Il passato non è costruito, non è ricordato, non è conservato. E’ una presenza fluttuante, continua, sentita, ma sciolta dagli ormeggi, lontana dalle spirali della memoria. Forse per questo, a Melbourne più che a Roma, si è liberi di srotolare il tempo.

1. Nell’installazione del 2006 a Roma, ad esempio, nella rete di funi era finita una sedia rivenuta qualche giorno prima nel parcheggio dell’Accademia.

2. Si tratta del disegno di Leonardo da Vinci datato ca. 1510 dal titolo “A Cloudburst of Material Possessions”, inchiostro su carta, The Royal Collection at Windsor Castle, Windsor UK, proprietà di Sua Maestà Regina Elisabetta II, RL12698.

3. Il riferimento è al Padiglione degli Stati Uniti d’America alla X Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, 2006, dal  titolo “Dopo l’Inondazione: Ricostruire su un terreno più alto”, curato da Christian Bruun.

4. Da una lettera di Andrew, maggio 2007: “Stavo pensando a te ed al tuo ritorno ad Orlèans e non ho potuto fare a meno di stabilire un altro parallelo con il mondo delle inondazioni. Sono certo che non appena camminerai nelle strade, entrando nei caffè e nei bar, sarai pervasa da una profonda turbolenza emotiva, che affiorerà in superficie e tutto ciò mi fa pensare alle immagini dell’inondazione a New Orleans che abbiamo visto a Venezia, quando l’acqua ha rotto gli argini ed ogni cosa è stata travolta”.

5. A Roma, tra 414 aC ed il 2000 dC, si sono registrate circa centocinquanta inondazioni maggiori, una lista delle quali è riportata in appendice nel testo di Gregory S. Aldrette, Floods of the Tiber in Ancient Rome, The John Hopkins University Press, Baltimore 2007 ISBN 0-8018-8405-5

6. Il riferimento è al concetto di pensiero debole introdotto da Gianni Vattimo nel libro La Fine della Modernità, Garzanti, Milano 1985 ISBN 8-8115-9999-7

7. Corrispondenza, dicembre 2008.

FCO-MEL unspooling.

Riflessioni sull’esperienza di Aqua Alta Project #1 : Agua Mundi : Rome 2006  e discorsi successivi. Pubblicato come parte del lavoro Acqua Alta Project # 3: Istituto Italiano di Cultura: Melbourne 2009.

Dott. Ing. Stefania Manna
Co-titolare dello studio di architettura IaN+
Roma, Italia
www.ianplus.it
2009

Andrew ringrazia Stefania Manna, David Franzke, Brent Edwards, The British School at Rome e particolarmente Valerie Scott [bibliotecaria] e Alesssandra Giovenco [archivista], David Jolly, Ronnie Van Hout, Richard Giblett, Susan Jacobs, Theo Paterakis, Jo Linden, e il Dott. Benedict Anderson, Fiona Gruber, Angus Trumble [Curatore pittura e scultura al Yale Centre for British Art], Kate Heard [Assistente curatrice della Stanza delle Stampe, Royal Collection, The Royal Library, Windsor Castle] e lo staff dell’Istituto Italiano di Cultura a Melbourne.